Archivi Blog

50 sfumature di grigio

50058.jpg

Ma il controllo de che? Perdi il tuo tempo, semmai.

Di: Sam Taylor-Johnson
Con: Dakota Johnson, Jamie Dornan, Luke Grimes, Rita Ora

Arriva per tutti il giorno in cui la tua ragazza ti dice “ehi tesoro, guardiamo 50 sfumature di grigio?”. Per fortuna la mia mi conosce, e quindi mi dice “ehi tesoro, guardiamo 50 sfumature di grigio? E’ una cazzata, almeno ci facciamo due risate, a te i film brutti piacciono”. Eh, non è facile essere fidanzata con un amante degli z-movies. Vabbè. Il film che ha fatto bagnare milioni e milioni di casalinghe insoddisfatte merita la nostra attenzione. Wow, l’erotismo! Il sadomaso! La trasgressione! L’ambiguità del piacere e del dolore, eros e thanatos! Bè, non proprio.
Anastasia Steele è una studentessa di letteratura inglese dalla vita non particolarmente emozionante: lavora in un negozio di ferramenta, vive con una coinquilina zoccola e, per una sorta di logica dell’equilibrio sessuale nell’appartamento, non ha mai fatto nulla con nessun ragazzo, manco due palpate o un limone duro in discoteca. Un giorno la sua coinquilina le dice che lei è malata (ma dove? Sta benone!) e la manda a intervistare, per il giornalino della scuola, Christian Grey, un 27enne che ha fondato un impero miliardario. Come? Boh, non importa, alle casalinghe insoddisfatte frega meno di zero. Segue una mezz’ora buona in cui il Bruce Wayne dei poveri e Anastasia si scambiano occhiate languide, lei si morde il labbro (lo farà per tutto il film, una roba insopportabile, datele una gomma da masticare PERDIO), lui la fissa con l’espressività di un capitone (è il personaggio a essere freddo? O forse l’attore a essere cane? O entrambe le cose?), insomma è tutto telefonato, questi due si piacciono. Lui però c’ha i rimorsi di coscienza e le dice di non cercarlo più che è molto oscuro e laido e gli deve stare lontano. Lei, che non è proprio un’aquila, beve un pò troppo e lo chiama al telefono per prenderlo per il culo. Lui non ci sta e (non si sa come) la trova e la porta a casa. Prende il via una stucchevole storia d’amore, in cui lui usa tutte le sue armi seduttive: i soldi, le macchine grosse, i soldi, l’elicottero, i soldi. Tutto sembra andar bene, ma, piccolo particolare: lui è un mezzo sadico che vuole dominarla e avere il controllo su di lei tramite un “contratto” (in assoluto una delle trovate più stupide e idiote della storia dell’umanità, indegno, tra l’altro a che minchia serve un contratto senza valore legale?), perchè “c’ho 50 sfumature di perversione”, “ho avuto un’infanzia difficile” e bla bla bla. Lei non ci sta e, dopo essersi fatta menare per punizione, gli dice che è una merda d’uomo e lo molla. Fine del film, tanto è una trilogia e i sequel sono già in lavorazione.
Secoli e secoli di battaglie per le pari opportunità buttati nel cesso. Le oltre 120 milioni (CENTOVENTIMILIONI) di copie vendute del romanzo della E.L. James, e i milioni incassati dal film, certificano il fallimento del femminismo su larga scala. Ogni volta che una donna dice “vorrei un uomo come mr. Grey” una suffragetta, da qualche parte, muore. Non giriamoci intorno: non è il sesso sfrenato (piuttosto soft nel film) nè il fisico da palestrato del signor Grigio a scatenare gli ormoni delle lettrici\spettatrici: è il suo conto in banca. Davvero, per una donna, il massimo obiettivo sentimental-sessuale è un contratto in cui c’è scritto cosa può o non può fare in ogni ambito della vita? Esilarante la scena in cui i due, in una stanza dalle luci rosse fastidiosissime, depennano dal contratto tutto ciò che lei si rifiuterebbe di fare (fisting anale e vaginale, bastoni, dilatatori, il tutto con il tono e l’espressione di chi sta negoziando l’assicurazione della macchina). La differenza tra il Grigio e qualsiasi burino maschilista delle borgate romane è una sola, cioè che il burino maschilista non c’ha una lira e si becca una denuncia per stalking, molestie e maltrattamenti; Grigio no, in quel caso non è stalking o molestia, ma “seduzione”. Ah ok.
Va bè, la storia è quel che è, la morale di fondo è ripugnante, ma almeno la confezione sarà il top, lucida e sensuale, piena di trasgressione. No? No. Le scene di sesso sono pochissime, molto “caste” rispetto alle aspettative (nessun nudo integrale) e anche le pratiche mostrate non sono niente di che, a meno che una sculacciata non sia considerata l’apice della perversione. Il film risulta alla fine anche noioso: in 125 minuti non viene mai mostrato che cosa spinga i due a piacersi reciprocamente, non c’è nessuna costruzione dei personaggi, non viene spiegato nulla; per un film che parla di seduzione, è un grosso limite avere personaggi piatti come tavoli. Aggiungiamo le prove attoriali imbarazzanti di tutti i personaggi e dei due protagonisti in particolare: se la Dakota ancora ancora è prigioniera in un ruolo stupido e inverosimile, e comunque fa del suo meglio (pochino, eh), Dornan è proprio solo una statua di cera monoespressiva. Non è freddo e glaciale, è proprio scarso. A Hollywood non c’era nessun palestrato belloccio in grado di recitare meglio? Eppure bastava pescare nel cast di The Avengers…ve lo immaginate questo film interpretato da quella sgnacchera della Scarlett e dal biondo che fa Thor? No? Almeno sarebbe divertente, dai.
PS1: domanda alle donne lettrici: ma davvero “io scopo, forte” è una frase che vi eccita? Vale anche per la versione del libro, ovvero “fotto senza pietà”. Davvero l’uomo eccitante deve parlare a letto come un cattivo della Marvel? Tipo “ehi, sei mia, i difensori della tua verginità non hanno scampo”, oppure “conquisterò il mondo, bwahahah”? Sono rimasto indietro, pare.
PS2: un grazie alla mia fidanzata che, oltre a detestare questo film, si è pure sorbita la mia recensione in diretta. Sei un tesoro! Però la prossima volta ci guardiamo un classicone di Bruno Mattei.

Produzione: USA (2015)
Scena madre: “io scopo. Forte”. Sul serio? Davvero? E’ proprio una scena eccitahahah, scusate, non possiamo crederci, che film dimmerda, almeno si ride un pò.
Punto di forza: la colonna sonora è fatta di pezzi pop che, se non sono il massimo, sono comunque ben ritmati e danno un senso ai vari spezzoni da videoclip di cui è composto il film.
Punto debole: un battage pubblicitario da milioni di dollari, evento mondiale, e due tette è il massimo che si può vedere? Solo perchè il VM18 avrebbe tagliato fuori dagli incassi stuoli di adolescenti con gli ormoni in subbuglio? Mah…
Potresti apprezzare anche…: i film di Tinto Brass. Trame migliori, attori capaci, più nudi! Però se guardate i film di Tinto Brass siete degli sporcaccioni, se guardate questo siete uomini e donne sofisticati in cerca di brividi.
Come trovarlo: la mia mente malata ha partorito questa cosa: chiunque compri il DVD o il blu-ray di questo film perde automaticamente ogni diritto di essere trattato\a in modo dignitoso dal\la partner. Un pò di coerenza.

Un piccolo assaggio: (guardatelo ed eccitatevi, guardate che pathos, che intensitahahah)

0,5

Belle da morire 2

Ma sono tornate chi?? Ma quando?!?

Ma sono tornate chi?? Ma quando?!?

Di: Bruno Mattei (Pierre Le Blanc)
Con: Katherine Moss, Paul Jackson, Anthony Fontaine

Tempo fa, recensimmo Belle da morire, capitolo primo, definendolo “il nulla”. Non contento, Bruno Mattei, che usa lo pseudonimo Pierre Le Blanc per chissà quale motivo (conoscendolo, sicuramente non la vergogna), ne gira un secondo capitolo. Ovviamente non ha nulla a che fare con le vicissitudini del primo, e altrettanto ovviamente è una punizione filmica piena di tutti gli elementi tipici dei film matteiani; per fortuna, è leggermente meglio del predecessore.
Dopo i consueti titoli di testa fatti con qualche programmaccio di grafica, si parte in quinta con intensi primi piani di tette e culi mentre la protagonista si fa la doccia insieme ad un amica. Segue sequenza di due che trombano con una musicaccia orrenda, e alla fine, mentre lei vagheggia con discorsi preconfezionati, lui si addormenta in due secondi netti. L’inizio sembra promettere bene, poi appare Antonio Zequila, volto noto della televisione trash più squallida, e si introduce la trama (o almeno, i due-tre fatti che Mattei spaccia per trama): la protagonista è una specie di modella che nel tempo libero intrattiene laidi uomini d’affari, ciancia di amore e uomini giusti e poi si lascia rimorchiare dal primo belloccio che trova al ristorante. La mattina dopo è già amore tra i due, ma lui deve andare. In pratica viene fuori che Bruce, questo il nome dello sconosciuto che si tromba la bella Louise, è un tipo losco; sulle sue tracce ci sono (se ho ben capito) dei malviventi pronti a tutto, che si servono di due sicari (uno è sputato Iggy Pop e si chiama Kram, Kran o qualcosa del genere) e di uno specialista del delitto: Anthony Lo Russo (Zequila, che praticamente fa due-tre lavori insieme), detto “il macellaio di Detroit”. Lo “specialista”, peraltro, si fa fregare come il peggiore degli imbecilli da Louise e anche da tutti gli altri, ma vabbè. Intanto Bruce sfrutta l’ingenuità della ragazza per mandarla a recuperare una valigetta; sul luogo dell’incontro, Louise incontra un panzone viscido che aveva respinto tempo prima e che la violenta. Perchè? Boh, forse Mattei si è confuso nello scrivere la sceneggiatura. Arriviamo in ogni caso al finale: Louise ha architettato un piano infallibile per fregare i cattivi, talmente infallibile che dura due minuti. Alla fine è comunque provvidenziale l’intervento di Bruce, entrato nell’edificio da un buco della sceneggiatura e pronto a crivellare il boss malvagio. Louise è molto incazzata per il fatto che a causa sua è stata picchiata, violentata e umiliata: ma decide di perdonarlo dopo una trombata, peraltro priva di qualunque introduzione e buttata lì giusto per far finire il film.
Vista così può anche sembrare una trama articolata. Non lo è: i fatti elencati si svolgono nel complesso in un venti minuti, mentre il resto del film è occupato da scene di sesso soft squallide e ridicole. Come nella miglior tradizione porno ogni pretesto è infatti buono per finire a letto insieme, anche quando non ce ne sarebbe davvero motivo. Il film oscilla tra l’inverosimile tentativo della protagonista di essere morigerata e il fatto che chiunque (escluse forse due o tre comparse) ha accesso, diciamo così, alla sua intimità. Tra un “ciao depravata” e un “mi piace il tuo culo, troia”, Belle da morire 2 non è altro che un’accozzaglia di scene pornosoft tenute insieme con lo spago e grazie a qualche riga di sceneggiatura. L’unica cosa che, se non salva il film, almeno impedisce l’abbiocco istantaneo, è la vena creativa di Mattei, qui più forte che nel primo capitolo: le battute dei cattivi sono copiate paro paro dal cinema americano, ma non reggono il paragone; gli uomini sono tutti infoiati fino al limite del ridicolo (forse gli attori sono stati tenuti mesi senza una donna, anche perchè ogni volta che ne vedono una fanno delle facce che neanche il peggior Fantozzi), e le donne tutte battone. Tra un festino con droga e puttane (in cui uno Zequila mascherato offre a Louise un drink corretto droga che lei beve senza esitazioni) e una scena di sesso con uomini pelosi e sovrappeso in pieno stile anni settanta (niente lesbo, ahimè), la pellicola si trascina stancamente per ottanta minuti, durante i quali è forte la tentazione di andare su YouPorn, se non altro per vedere scene migliori e più esplicite. Ogni tanto il genio di Mattei fa capolino, soprattutto nelle scene riguardanti i trafficanti e i sicari, ma nel complesso l’unica cosa interessante è la consueta fotografia da telenovela brasiliana, tipica degli ultimi film del compianto Maestro.

Produzione: ITA (2005)
Scena madre: le vere scene madri sono quelle che coinvolgono l’amica puttanona di Louise e il suo amante. Costui è una specie di gorilla privo di parola e dotato di un evidentissimo pene finto di dimensioni spropositate. Le scene di sesso sono esageratissime ed esilaranti, soprattutto quella in cui il suddetto primate non riesce neppure a bere un sorso di whisky senza rovesciarselo addosso!
Punto di forza: se confrontato con il primo capitolo, mostra dei progressi.
Punto debole: se confrontato con i film matteiani dei bei tempi, fa venire la nostalgia…
Potresti apprezzare anche…: Belle da morire, così si completa la saga. E sottolineo SAGA.
Come trovarlo: la versione in DVD è abbastanza semplice da reperire, e probabilmente è l’unico modo per vederlo. Si trova spesso nelle bancarelle dell’usato a pochissimi euro.

Un piccolo assaggio: http://www.dailymotion.com/video/xavj79_belle-da-morire-2_redband (il film fa così schifo che non si trova neppure un secondo su Youtube, quindi vi dirotto su DailyMotion; potrebbe chiedere il permesso in quanto film vietato ai minori)

1

Tulpa

Bella locandina. Ma la citazione di Eyes Wide Shut (tenete conto che in Tulpa quella maschera non c'è) grida vendetta.

Bella locandina. Ma la citazione di Eyes Wide Shut (tenete conto che in Tulpa quella maschera non c’è) grida vendetta.

Di: Federico Zampaglione
Con: Claudia Gerini, Michele Placido, Nuot Arquint, Michela Cescon

Molti critici l’hanno definito “degno di Dario Argento”. Sì, dell’ultimo Dario Argento, però. Quello di Dracula 3D per intenderci. Un bel giorno diverse persone con un curriculum degno di nota nel mondo di cinema e musica si sono ritrovate intorno a un tavolo (Zampaglione, Gerini, Placido, Sacchetti, più la Cucinotta che produce non si sa perchè) e hanno deciso di dare il colpo di grazia al cinema di genere italiano. In che modo? Girando Tulpa.
Lisa (Gerini) è una tranquilla manager dell’azienda del viscido signor Roccaforte (Placido); questo, almeno, di giorno. Di notte, Lisa si dedica a cose ben più sconvolgenti e trasgressive (sic!): frequenta infatti un locale segreto, ricavato in un parcheggio sotterraneo, il Tulpa: in questo locale vige il sesso libero e, tra musica indiana e statue buddiste, ognuno sviluppa le proprie perversioni. Un giorno Lisa si accorge che tutte le persone con cui è andata a letto vengono uccise da un killer misterioso nei modi più curiosi: evirate, accoltellate, mangiate dai topi (tre topi in tutto), legate a giostre e massacrate col filo spinato. Questo bel pasticcio gore prosegue senza sosta, mentre Lisa litiga con i colleghi al lavoro, indaga e non scopre niente di niente. [Lo ammetto, riempire questa parte di recensione è stato difficile, perchè in effetti non succede nulla nel film, c’è lei che si deprime per gli omicidi, lei che strombazza qua e là, inquadrature a caso che citano gli anni settanta, noiose discussioni aziendali; ogni tanto ammazzano qualcuno, e basta] Nel finale, si scopre chi è il killer (non lo dico, tanto è ininfluente): in una scena dalle dinamiche ignote, il suddetto killer vede il proprietario del Tulpa (un inquietante santone indiano che parla come un cyborg e che a occhio dovrebbe essere da un’altra parte), ha una crisi isterica e si accoltella alla gola. Finisce proprio così, senza senso, niente polizia, niente moventi, niente tensione.
L’idea di partenza di Tulpa è priva di senso: la “trasgressione” maggiore di tutto il film consiste nella Gerini che si fa delle sue amiche e ogni tanto una cosa a tre che coinvolge anche un uomo. Tutto qui? Tutto qui. Non bastava una camera d’albergo con qualche candela e un giradischi? Non è che io voglia fare quello emancipato e aperto di vedute, però insomma, due lesbiche sono davvero una cosa così estrema da vedere? Oltretutto, forse per il fatto che la Gerini è anche la moglie del regista, si spoglia con generosità, ma non combina granchè con altre persone: baci senza lingua, strusciamenti e niente altro. I primi due film di Zampaglione non mi sono dispiaciuti, mentre questo è davvero tremendo: mancano le basi della regia e della sceneggiatura, i dialoghi sono penosi e i possibili elementi di vera suspense mal sfruttati. Non si riesce ad avere alcuna simpatia per i personaggi, perchè nessuno di loro è approfondito quel poco che basterebbe per uscire dagli stereotipi: la doppia vita di Lisa è suggerita con una serie di scene imbarazzanti di primi piani delle gambe e dei vestitini trasparenti con cui, inverosimilmente, si reca al lavoro, una cosa che non si vedeva neppure nei film con Edwige Fenech. Come se non bastasse, anche attori solitamente bravi come la Gerini stessa o Placido sembrano recitare sotto effetto di potenti droghe che li costringono a pompare tantissimo i ruoli scadendo nella farsa. Il sunto di partenza (ovvero che ognuno di noi ha il lato porcone e ci piace fare le cosacce anche se la società lo vieta) non è neppure male, ma tutte le ciance farlocche sui Tulpa e sui demoni interiori metafisici sanno molto di velleità filosofiche, peraltro inutili dato che non si capisce il collegamento tra i Tulpa, gli omicidi e la Gerini. Il versante erotico è ancora peggio: come detto, le scene hot languono e il massimo del nudo sono inquadrature di donne sotto la doccia che fanno molto Playboy Channel.
Il guaio è che Tulpa non è sicuramente un bel film, ma non è neppure un trashone esilarante come ci si aspetta: Zampaglione arriva sempre sul filo del ridicolo ma non lo oltrepassa quasi mai (cosa che negli anni settanta i registi del cinema di genere facevano spesso, rischiando, e a volte incappando, nel trash), cercando di darsi un tono autoriale che, almeno in questo terzo film, non si vede proprio. Più che una boiata, una delusione.

Produzione: ITA (2013)
Scena madre: l’assurda crisi isterica del killer prima di morire. Memorabile.
Punto di forza: le tette della Gerini. Scusate, è una mia debolezza.
Punto debole: Zampaglione, osa un pò di più! Per esplorare gli abissi della perversione non bastano due-tre baci lesbo! Mettici più impegno!
Potresti apprezzare anche…: Ubaldo Terzani horror show.
Come trovarlo: aspettando che esca in DVD.

Un piccolo assaggio:  (la sobria scena del club Tulpa)

2,5